Conservare il pane

Fresh Bread

Vi siete mai chiesti “Che bel pane che ho fatto, ma adesso…. Come lo conservo fresco il più possibile?”

Il nemico numero uno del pane è sia la DISIDRATAZIONE che l’eccessiva UMIDITÀ; infatti il pane può durare anche diversi giorni, l’importante è che venga conservato in un ambiente né troppo secco con il rischio di seccarsi subito, né troppo umido altrimenti rischia di diventare gommoso a causa del processo di trasformazione dell’amido, per cui cosa fondamentale, da non fare assolutamente è mettere il pane in frigorifero.

Ricordo che mia nonna lasciava il pane nel sacchetto del fornaio e dopodiché lo riponeva in un contenitore di legno (porta-pane di legno) con una piccola “serranda” sul davanti ed in base al tipo di pane comperato, la teneva più o meno aperta. In questo modo la carta che avvolgeva il pane aiutava ad assorbire l’umidità in eccesso ed il pane rimaneva fresco più a lungo. Quando poi era ora di mangiarlo lo scaldava leggermente su un tegamino da entrambi i lati e lo serviva in tavola.

Mia mamma invece lo surgela, lasciandolo nel sacchetto di carta nel quale lo ha acquistato e lo ripone all’interno di un’altro sacchetto di plastica; in questo modo il pane rimane fresco anche per 2 o 3 mesi ed all’occorrenza basta scongelarlo a temperatura ambiente e scaldarlo qualche minuto in forno per renderlo gustoso come quando lo avete realizzato o comperato. Per rendere l’operazione più agevole potete persino tagliarlo a fette prima di riporlo in congelatore.

Io invece preferisco metterlo in un contenitore di alluminio come faccio per i biscotti che preparo per Natale; infatti l’alluminio se chiuso correttamente non fa entrare ne uscire aria e quindi anche l’umidità ed il vostro pane ed i vostri biscotti resteranno freschi per giorni.

Provare per credere!!! 🙂 🙂

                                     Barattolo

Immagine in evidenza di Clem Onojeghuo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.